Comments & Opinions


Home Page | Comments | Articles | Faq | Documents | Search | Archive | Tales from the Machine Room | Contribute | Login/Register

Work from Home or Hardly Working?

I'm not sure if this thing had, outside The Netherlands, the same echo that got here, but there is a huge probability that you have no clue on what I'm going to talk about. Therefore, allow me to clarify.

At the beginning of November, Deutsche Bank (German's central bank), published on its "e-paper" Konzept, a mega-document on which policy could be applied (and how) to facilitate, or take advantage of, the conclusion of the current... hemmm... global situation (aka: Covid-19).

The document, that you can get here, cover a huge range of things, from economic policies to legal changes. Warning! This document and the whole "e-paper" is, as written on the home page of the thing, "a research magazine published at regular intervals that addresses the fundamental issues driving the world of economics and finance: it provides a platform for Deutsche Bank analysts to share their findings with clients and the wider world".
So it is, more or less, a platform for DB's analists to talk about what they're interested into and has such it (IMHO) shouldn't be taken any more seriously than this very website.

However, a small bit of that document seems to have found a huge resonance box in many places, since it has quoted (and mis-quoted) by several financial (and not) newspaper and ended up in many front pages.

The bit (2 miserand pages on a total of 83), is over a particularly problematic issue: who can (and want) to work from home and who can't.

What does it means? Well, the Great Pandemic has clearly shown that there is a huge swat of the (working) population that CANNOT work from home. And we're not talking only of whoever is employed in manufacturing or industry, there are many peoples that are required to be somewhere specific to perform their jobs. Construction, distribution, retail, amusement, free-time, drivers etc.

While the "privileged", especially workers of the so-called "new economy" (aka: everybody that has something to do with Internet), can easily stay at home and keep working like nothing has changed and no consequences for their economic return.

Confronted by a huge number of closure, bakrupcy and the like, especially in the catering/retail in the city centers (where most offices are located, offices that were closed by government's requests), DB's analists began to think how can the situation get "balanced" in the short time.

Because, as told by others, even if the pandemic should end tomorrow, a lot of peoples has already decided that this is the "new normal" and they will continue to work from home and avoid the offices like ... the plague. So this "crisis" situation is going to be the normality for a while, if not forever, for many.

So... how to confront the fact hat a quite large chunk of the "working" population, is going to be non-working for the foreseeable future, for absolutely not their fault? And since this change showed up quite suddenly, the governments have been called upon to take charge.

But there aren't many things that governments can do. What is proposed by the analists is the institution of a tax for 'home workers'.

And here we have to make a lot of distinctions. Because, let's be clear here, "home workers" have always existed. Writers, painters, composers, teachers, consultants and everybody that perform his/her job in some "laboratory" or "office" that is part of their home. All those peoples have always worked from home.

What is proposed is only for employee of companies that HAVE offices and those offices can be used (there is no lockdown).

But this has caused a lot of commotion because, yes, who decided that they want to work from home even if there is no need for it, obviously is "damaging" the economy of everybody that base his/her income on the presence of peoples around, but at the same time, the fact of NOT going out means to reduce pollution and congestion in the city.

Moreover, the idea of working from home require the availability of connectivity and the support of other infrastructures that not always are up to specs.

Clearly, the major problem is the enormous mass of people that is involved in the thing. If we talk about Germany (that is where DB's analysts did they calculations of course), on ~45 millions workers, a good 67% worked (and they are still working) from home. This means that about 30 million "customers" have disapperared from the income of many places.

What do I think about this?

Let's ignore that I decided to go to the office anyway and after a while I decided that being in the office is better for me than work from home. But anyway, I think that it is time that we (as society) revise what we call "work" in the general sense of the term. In specific, the time. Right now, it doesn't really make sense that we have to "work" from 9 to 5 (for example). This make sense (sometimes) for manufacturing and other works where a group have to coordinate, or where the work is dependent on other things (like the fact that we decided that 'lunch time' is around noon) but in other things, especially office works, there is no reason to be tied to a specific time frame.

It is also time to review how and how much the various "workers" are compensated, the structure of "wages" is a leftover from the industrial revolution and sometimes even older.

It doesn't matter how do we want to turn it around, there is no doubt that this pandemic has shown a light over a huge series of problems that were there before, but were either hidden or not felt enough. And the aftershocks will be felt for quite a long time.
 

Davide Bianchi
16/11/2020 14:29

Comments are added when and more important if I have the time to review them and after removing Spam, Crap, Phishing and the like. So don't hold your breath. And if your comment doesn't appear, is probably becuase it wasn't worth it.

20 messages post new
WM By WM - posted 17/11/2020 09:05 - reply

buondi' Davide

sono parzialmente d’accordo con te. sono d’accordo, o meglio condivido la tua posizione (e' lo stesso? :mumble:) quando dici che essere in ufficio e' meglio. anch'io preferisco essere in ufficio (avendo comunque la possibilita' di usufruire del telelavoro come altri miei colleghi che lo fanno, vuoi per comodita' [figli piccoli a casa] vuoi per paura [prossimi alla pensione e quindi potenzialmente piu' vulnerabili]) perche' rispetto a casa ho meno distrazioni e soprattutto il tran-tran della routine casa-lavoro-casa mi mette in carreggiata. per non parlare poi di quando ho bisogno di usare la strumentazione che i test del mio lavoro richiede

non sono invece d’accordo sul discorso orario, almeno non completamente. per quanto il lavoro di impiegati come noi (io lo sono e, mi pare di capire, anche tu) possa essere svolto sostanzialmente in maniera autonoma, e' comunque necessaria una fase di confronto che, per considerazioni compatibili con il punto precedente (lavoro in ufficio) deve essere fatta in presenza fisica, e quindi contemporanea

questo non significa che non apprezzi la flessibilita' di orario, anzi la uso molto volentieri. magari non molto in questi giorni dove il traffico e' decisamente ridotto (tranne giornate, guarda un po'!, come oggi dove un incidente fa un bel casino) ma l'orario flessibile mi aiuta a svicolare un pochino dal traffico caotico, piuttosto di gestire attivita' extra lavorative (visite mediche e quant'altro) in modo da non ledere ne' il monte ore ferie/permessi e contemporaneamente non ridurre la propria efficienza in ditta

per non dimenticare il fatto che spesso mentre il lavoro "gira" non si pianta tutto a meta' dicendo "l'orario e' finito! tutti a casa" ma si continua finche' va. e vederselo riconosciuto permettendo di ridurre il lavoro in altre giornate non e' una pessima idea..

--
WM


Davide Bianchi@ WM By Davide Bianchi - posted 17/11/2020 12:33 - reply

non sono invece d’accordo sul discorso orario, almeno non completamente. per quanto il lavoro di impiegati come noi (io lo sono e, mi pare di capire, anche tu) possa essere svolto sostanzialmente in maniera autonoma, e' comunque necessaria una fase di confronto che, per considerazioni compatibili con il punto precedente (lavoro in ufficio) deve essere fatta in presenza fisica, e quindi contemporanea

Ma nessuno ti impedisce di andare in ufficio una volta alla settimana per presenziare alle varie riunioni eccetera, ed ovviamene, dato che sono RIUNIONI saranno stabilite in un certo orario.

Il mio punto e' che questa idea di "lavorare 8 ore" e' una grande cazzata. Parliamoci chiaro: NESSUNO lavora in continuazione. Non importa se rimango in ufficio 12 ore, sicuramente non le passo tutte a lavorare. Quindi perche' prenderci per il culo? 

--
Davide Bianchi


WM@ Davide Bianchi By WM - posted 18/11/2020 08:37 - reply

Il mio punto e' che questa idea di "lavorare 8 ore" e' una grande cazzata. Parliamoci chiaro: NESSUNO lavora in continuazione. Non importa se rimango in ufficio 12 ore, sicuramente non le passo tutte a lavorare. Quindi perche' prenderci per il culo? 

sono pienamente d'accordo!

ho pero' riscontrato che in molti casi e' l'interazione con i colleghi che permette di avere buone nuove idee (oltre alla vagonata di str...ate) e questo accade solo in presenza

ma come dici tu non e' necessario essere presenti 8 ore. pero' piu' ci si interfaccia, piu' idee si possono avere ;-\)

--
WM


Messer Franz By Messer Franz - posted 17/11/2020 09:06 - reply

Figurati se mettono una nuova tassa!

Perchè i politici alzino la tassazione nonostante la crisi (già precedente al covid ma aggravata da esso)  bisognerebbe che gli interessasse solo avere una scusa per poter tassare di più ed avere soldi nell'immediato e chissene se l'economia crolla, che se ne occupi il governo successivo del problema!

I capi di stato democraticamente eletti pensano al bene della popolazione, mica ad avere soldi per i loro amici e basta!

Ma dove sei vissuto finora?

Ho i miei annetti e te lo posso confermare, qui su Urano le cose vanno così da sempre!

Ah, già, tu sei sulla Terra...allora auguri...ne hai bisogno...

--
Messer Franz


Francesco By Francesco - posted 17/11/2020 09:20 - reply

Ciao Davide, solo per segnalarti un refuso (cestina pure il commento):

Deutsche Bank non è la banca centrale tedesca (quella è la Deutsche Bundesbank), ma ovviamente la maggior banca privata tedesca...

Buona giornata e buon lavoro!

Francesco Moretto

--
Francesco


Federico By Federico - posted 17/11/2020 09:30 - reply

Ti confermo che anche qui la notizia è arrivata, magari difficile da notare in mezzo a tutte le covid-news che impestano la stampa italiana da 9 mesi a questa parte.

Comunque se devo dire la mia su 'sta cosa del lavoro da casa, credo che pochi abbiano sottolineato un problema non da poco. E' vero che riduce il traffico e quindi l'inquinamento (e cio' e' bene), e' vero che mette in crisi tutto l'indotto dato dai lavoratori non piu' in giro (e cio' e' male) ma nessuno mi pare abbia preso in considerazione il fatto che l'ufficio non è solo il posto in cui si produce, ma e' anche un grosso fattore di socializzazione. Per alcuni l'unico.

Lavorare da casa per molti, tipo i single, significherebbe non avere più rapporti umani con nessuno perchè la chat o la videoconferenza non sono certo sufficienti. E questo porta a alienazione. Tremo al pensiero di una vita passata in solitudine davanti a un monitor. Gia' adesso il cervello di moltissimi e' stato sostituito dallo smartphone (e temo che la psicosi da covid abbia molto a che fare con questo), se poi gli togli anche quegli unici momenti in cui potrebbero avere relazioni con esseri a base carbonio invece che silicio la frittata e' fatta. Ed ecco servita una bella umanita' di cerebrolesi totali. Vabbe' che anche cosi'.....

--
Federico


Davide Bianchi@ Federico By Davide Bianchi - posted 17/11/2020 12:36 - reply

il fatto che l'ufficio non è solo il posto in cui si produce, ma e' anche un grosso fattore di socializzazione. Per alcuni l'unico.

Questo non e' un problema dell'ufficio o delle aziende, ma del singolo. Se l'unico modo che qualcuno ha di "socializzare" e' essere chiuso a forza in un edificio con altra gente chiusa a forza... forse dovrebbe rivedere un attimo le proprie attitudini.

--
Davide Bianchi


Federico@ Davide Bianchi By Federico - posted 17/11/2020 21:47 - reply

Questo non e' un problema dell'ufficio o delle aziende, ma del singolo. Se l'unico modo che qualcuno ha di "socializzare" e' essere chiuso a forza in un edificio con altra gente chiusa a forza... forse dovrebbe rivedere un attimo le proprie attitudini.

 

D'accordissimo, non e' un problema dell'ufficio ma del singolo. Pero' questo non toglie che per molti e' cosi'. Ne conosco parecchi. E purtroppo non e' cosi' semplice cambiare attitudine: sono lavori da fare su se stessi che possono richiedere anni e non hanno nessuna garanzia di riuscita. Nel frattempo non e' che li possiamo semplicemente buttare a mare, o perlomeno non e' cosi' che mi piace concepire l'esistenza.

 

--
Federico


Anonymous coward@ Federico By Anonymous coward - posted 20/11/2020 13:25 - reply

Comunque il posto dove si rimorchia meglio è il supermercato, anche se lavori da casa, al supermercato ci devi andare, poi con le lunghe file della fase uno si rimorchiava anche di più.

 

--
Anonymous coward


Thomas By Thomas - posted 17/11/2020 10:19 - reply

Il problema è che rivedere il concetto di lavoro salariato scontenterebbe prima di tutto i dipendenti.

Ora come ora, diciamolo fuori dai denti, se in un ufficio ci sono venti persone, quindici "vivacchiano", tre non fanno un emerito cazzo e due fanno da locomotiva per tutti.



Con un sistema non basato sul mero numero di ore lavorate ma sui risultati prodotti, dovresti decurtare lo stipendio a diciotto persone (tre delle quali lo vedrebbero crollare a picco, o verrebbero proprio licenziate). Quante speranze ci sono che quei diciotto accettino la cosa?



E se la vita m'ha insegnato qualcosa, le due locomotive sono anche abbastanza "fesse col cuore" da dire che, nah, va bene così, al limite un piccolo aumentino sarebbe gradito, ma niente di più...

--
Thomas


Davide Bianchi@ Thomas By Davide Bianchi - posted 17/11/2020 12:37 - reply

Il problema è che rivedere il concetto di lavoro salariato scontenterebbe prima di tutto i dipendenti. Ora come ora, diciamolo fuori dai denti, se in un ufficio ci sono venti persone, quindici "vivacchiano", tre non fanno un emerito cazzo e due fanno da locomotiva per tutti.

Yep! Tutti vogliono la "meritocrazia", essere pagati per quanto si vale e si fa... finche' qualcuno non la vuole implementare davvero.

 

--
Davide Bianchi


Messer Franz@ Davide Bianchi By Messer Franz - posted 18/11/2020 09:16 - reply

Mia madre (professoressa) quando hanno introdotto a scuola il lavoro in gruppo (quelli di alunni per fare ricerche o simili) hanno coniato un simpatico modo di dire : "nel lavoro di gruppo c'è un mucchio di asini che non fanno niente ed un povero mulo che fa tutto"

 

Il problema è che rivedere il concetto di lavoro salariato scontenterebbe prima di tutto i dipendenti. Ora come ora, diciamolo fuori dai denti, se in un ufficio ci sono venti persone, quindici "vivacchiano", tre non fanno un emerito cazzo e due fanno da locomotiva per tutti.

Yep! Tutti vogliono la "meritocrazia", essere pagati per quanto si vale e si fa... finche' qualcuno non la vuole implementare davvero.

 

 

 

--
Messer Franz


Daniele Levi By Daniele Levi - posted 17/11/2020 10:23 - reply

Ciao BigD, lettura interessante: non conoscevo questo articolo.

Relativamente allo smart work (che io non amo per nulla, ma lo dico solo in riferimento a me, non dico che sia in assoluto sbagliato, nè giusto...) sarà in effetti interessante vedere cosa succederà post-pandemia.

Ma finchè saremo in questa situazione poco da dire: serve e va fatto laddove possibile.

Perchè dico che non lo amo? Perchè per mia indole "casa è casa, lavoro è lavoro", un riassunto un pò (tanto) superficiale per dire che sono due aree della vita personale che si completano, ma non mi piace che si mescolino; però ribadisco, posizione assolutamente ed esclusivamente personale che racconto volentieri, ma che non voglio imporre a nessuno.

Quello che di certo oggi manca (per lo meno in Italia, ma -comincio a capire- anche altrove) è una struttura contrattuale e regolatoria dello smart work.

Ma c'è un "ma"... dove ho una opinione parzialmente diversa è sul tema "orari di lavoro": chiaro che se sono troppo ristretti non va mica bene, ma trovo nel contempo giusto mettere dei paletti per evitare anarchia. Il tema è capire quanto possano essere larghi questi paletti, ma qui sconfineremmo in discussioni fuori tema, quindi mi fermo :-\)

Un caro saluto e a presto.

Daniele

--
Daniele Levi


Mirko Schiavolin By Mirko Schiavolin - posted 17/11/2020 12:01 - reply

Bella riflessione, Davide.

Io sono uno di quelli che potrebbe lavorare da casa (come adesso). Ma: durante il giorno normalmente non vanno riscaldamento e luce, per esempio.

Dovrei attrezzare una vera scrivania (le sedie del soggiorno mi stanno spaccando la schiena...)

Fortunatamente ho una buona connessione, ma la pago io, mica la mia azienda.

Mangiare, mangio comunque.

Io faccio anche assistenza, e l'assistenza la faccio in orario di produzione. Non posso "flessibilizzare" l'orario di lavoro. E se lavoro di più, lo faccio per la gloria.

Per cui: perché dovrei lavorare da casa? Lavoro molto meglio in ufficio...

Il rivedere il modo di lavorare sicuramente rientra nelle cose da fare. LA valutazione non la lascerei solo ad analisti e d economisti, però

--
Mirko Schiavolin


Thomas@ Mirko Schiavolin By Thomas - posted 17/11/2020 16:09 - reply

 

@Mirko:

Beh, mi sembra che i tuoi problemi siano legati ad una mancanza di organizzazione che dal lavoro da remoto in sé. Chi lavora da remoto dovrebbe avere un qualche tipo di benefit aziendale per far fronte ai problemi che citi.

Per capirci: chi deve essere sempre reperibile di norma ha un telefono aziendale spaesato di tutto, chi deve spostarsi molto ha auto aziendale e/o buoni carburante... a chi lavora da remoto sarebbe giusto dare un conquibus per la connessione ad internet e un piccolo rimborso per l'attrezzatura da ufficio, tipo una sedia un poco decente.

​​​

--
Thomas


Mirko Schiavolin@ Thomas By Mirko Schiavolin - posted 20/11/2020 07:45 - reply

@Thomas:

Ovviamente io parlo per me.

Ed è una questione che non si discute con due commenti sotto ad un post. Nelle risposte sopra ho trovato altre argomentazioni che condivido, tra le quali quella di tenere separati lavoro e famiglia, per esempio. Dubito che tutti quelli che lavorano a casa abbiano uno spazio ufficio...

Inoltre, come la maggior parte degli impiegati nel terziario, si ha un orario di 8 ore, ma in realtà si viene pagati "a mese" (io, se devo andare da un cliente a Padova, e sto i giro dalle 5:30 alle 20:15, vengo pagato come se avessi fatto otto ore in ufficio).

Il discorso di base è che il cosiddetto SmartWorking non si improvvisa. Una mia amica che lavora per un'assicurazione, ha fatto un mese di formazione su come organizzarsi per lo smart a casa.

In Italia questo tipo di cultura non c'è, ed ho notato che anche presso la mia sede centrale (Hannover) non è che siano così sul pezzo.

Poi sono d'accordo sul fatto che le situazioni personali valgono uno, se prese in sé.

 

@Mirko:

Beh, mi sembra che i tuoi problemi siano legati ad una mancanza di organizzazione che dal lavoro da remoto in sé. Chi lavora da remoto dovrebbe avere un qualche tipo di benefit aziendale per far fronte ai problemi che citi.

Per capirci: chi deve essere sempre reperibile di norma ha un telefono aziendale spaesato di tutto, chi deve spostarsi molto ha auto aziendale e/o buoni carburante... a chi lavora da remoto sarebbe giusto dare un conquibus per la connessione ad internet e un piccolo rimborso per l'attrezzatura da ufficio, tipo una sedia un poco decente.

​​​

 

 

--
Mirko Schiavolin


Anonymous coward By Anonymous coward - posted 19/11/2020 11:01 - reply

quando lavoravo per $logistica c'era un collega che faceva un mare di straordinario.

Entrava alle 6 usciva alle 21 tutti i giorni ma a volte si fermava oltre, spesso gli ho visto aprire ticket al reparto it (dov'ero io) alle fottute 23 (e si si potevano aprire solo da pc in ufficio).

 

Il problema è che lui, come TUTTO l'ufficio, aveva attività da svolgere tra le 8 e le 18, al di fuori di quella fascia oraria se smaterializzavi la sede e la ricostruivi identica per il giorno successivo nessuno l'avrebbe notato.

Il suo ruolo, sopratutto, essendo al bancone a ricevere i clienti aveva orari fissi (non veniva fisicamente permesso l'accesso clienti al di fuori di quelle fasce orarie).

L'utente in questione quindi in tali straordinari non era possibile stesse lavorando eppure si fermava di più in ufficio e questo straordinario veniva pagato.

Non è da dire che $logistica è fallita, vero?(no non solo per quello, le cazzate del management furono clamorose, un giorno scriverò qualche storia mi sa).

--
Anonymous coward


Anonymous coward By Anonymous coward - posted 19/11/2020 11:29 - reply

Deutsche Bank non è la banca centrale crucca, che invece è la Bundesbank. Deutsche Bank è una banca decotta e fallita piena di titoli tossici pari a decine di volte il pil tedesco, tenuta in vita perché i tedeschi fanno quello che vogliono...

--
Anonymous coward


Anonymous [mariodamore] coward By Anonymous [mariodamore] coward - posted 19/11/2020 15:01 - reply

Concordo con Davide su tutto.



Qui in germania se ne parla in maniera anche molto critica.

Non ho mai sentito "smart working", qui in genere si parla di "home office" quando lavori da casa. La storia della flessibilitá non mi tocca troppo quindi non so come funzoini (sono nell'ambito universitario/ricerca).



Il mio punto è anche che se uno fosse assunto come esterno avrebbe uno stipendio diverso: se assumi un consulente esterno vedi quanto lo paghi.



Da mia moglie tipo il datore di lavoro risparmia un botto non avendo da fornire infrastrutture per i lavoratori e affittare /comprare uffici e hanon deciso al ritorno di diminure i posti al 60% e fare a rotazione da casa, quindi se passasse questa cosa ti forzerebbero a pagare una tassa extra.

Quindi per me, ok più tasse, ma più stipendio anche per far fronte ai costi casalinghi.

Se devo avere un carico di tasse in più, voglio avere il "privilegio" e non solo l'inculata di dover anche pagare di più perché sto a casa, che quest'anno non era manco una opzione libera.



Un punto contro che avevo letto era la questione ambientale : a parte i trasporti, gli uffici grandi sono energeticamente piú efficienti di millemila piccoli appartamenti. Si parlava dell'inverno per riscaldamento, ma anche dell'estate in posti come USA dove condizionano a 15C come niente.

Inoltre, se la base è "aiutare chi è in difficoltà facendo pagare chi ha privilegi" perché non aumentare le tasse a tutti di pochi  % e dirigere questo flusso a chi ha bisogno? Chi guadagna meno sarà me o toccato, chi guadagna di più lo sarà di più. Questa cosa mi ricorda vagamente la tassa sull'equo compenso imposta da SIAE in italia su tutti i dispositivi di archiviazione : tutti rubano, quindi tassiamo tutti per compensare chi ci perde (magari).

La questione di dividere home/office é importantissima, se il lavoro da casa fosse sempre stato a questi livelli, moltissima gente non vivrebbe in cittá con poco spazio ma piú in campagna con piú spazio per dividere le mansioni (me incluso).



PS: @Davide sulla registrazione ricevo un bellissimo "error" senza altri commenti...

Sono su Firexox 83.0 da Linux, se serve.

--
Anonymous [mariodamore] coward


Guido By Guido - posted 20/11/2020 14:24 - reply

Ora non so quanto ci metti tu ad andare in ufficio, ma quando lavoravo per $ENTE erano 35km ad andare e 35 a tornare.

Dovevo prendere i figlioli e questo voleva dire entrare alle 7 per usicre alle 15/1530 (con pochissima pausa pranzo).

Salvo imprevisti (ritardi, riunioni a tradimento, code in superstrada).

La flessibilita' che mi permette lo smartworking e' impagabile, posso anche andare a fare 1h di sport e recuperare l'ora successivamente, cosa che in ufficio non era (materialmente) possibile.

Poi e' vero sono uno dei pochi fortunati che puo' farlo...

--
who uses Debian learns Debian but who uses Slackware learns Linux


20 messages post new

Previous


This site is made by me with blood, sweat and gunpowder, if you want to republish or redistribute any part of it, please drop me (or the author of the article if is not me) a mail.


This site was composed with VIM, now is composed with VIM and the (in)famous CMS FdT.

This site isn't optimized for vision with any specific browser, nor it requires special fonts or resolution.
You're free to see it as you wish.

Web Interoperability Pleadge Support This Project
Powered By Gojira