Storie dalla Sala Macchine


Home Page | Commenti | Articoli | Faq | Documenti | Ricerca | Archivio | Storie dalla Sala Macchine | Contribuire | Login/Register

Tra l'Incudine ed il Martello...

OUT-SOURCING!!! Chi non conosce il significato di questa parolina magica che e' stato il cavallo di battaglia di cosi' tanti mangler dagli anni 80 ad oggi che oramai non se ne puo' piu' di sentirla? Se non lo sapete, out-sourcing significa "licenziamo i nostri dipendenti e facciamo fare il loro lavoro a personale esterno che (dato che non lo vediamo) e' sicuramente meglio, piu' efficiente e soprattutto meno costoso che avere il nostro personale interno".

Chi e' che mi dice quale e' il problema nella frase precedente? Ok, giu' le mani. Dagli anni 80 ad oggi il motto e' stato "meglio fuori che dentro" e c'era una ragione di fondo: si riusciva sempre a trovare qualche babbeo che faceva piu' o meno lo stesso lavoro a meno soldi. Prima i babbei erano in Polonia o in Messico, poi sono passati in India, poi in Cina. La distanza non e' che fosse molto importante, soprattutto quando si tratta di attivita' informatiche. Chissenefrega se il tizio che dovrebbe gestirti il server si trova ad 8 fusi orari da te? Le probabilita' che tu lo debba vedere in faccia sono infinitesimali e quando capita il patatrac (notare che ho detto "quando" non "se") puoi consolarti pensando che il costo della telefonata e' quasi pari a quanto avresti pagato per un hosting/servizio gestito da gente che non parla salca$$o che lingua e si trova magari nel tuo stesso continente.

Ovviamente tutti quelli che hanno avuto a che fare con la qualita' (o mancanza di) dei servizi forniti hanno una opinione un po' diversa, ma in genere questi "qualcuno" non hanno nessuna possibilita' ne' capacita' di scelta e non vengono mai interpellati al riguardo prima che il manglement abbia deciso il da farsi. Ma sto divagando.

Allora, torniamo a bomba a parlare di quell'inesauribile barile di risate che sono $brancodipaguri. Eravamo rimasti che, dopo ennemila problemi, si erano teste' trasferiti in un nuovissimo palazzo che costa quanto una rolls-royce nuova al mese dotato di ogni meraviglia della nuova tecnologia (tipo schermi ultrapiatti nella caffeteria, luci con i sensori di movimento cosi' devi continuare a muoverti come se avessi il ballo di san vito per vederci qualche cosa e cose cosi'), tra le meraviglie della tecnologia mancanti si annoverano: parcheggi (4 posti per l'intero ufficio), ascensori che funzionino e la porta d'ingresso che funziona piu' no che si. Ma hei! E' un palazzo nuovo di zinca e firmato dal megaarchitettosuperfamoso (e soprattutto OLANDESE) no?

Comunque sia, dopo un po' di casini iniziali il branco si era assuefatto alle capricciosita' dell'edificio (aka: usare le scale e le porte di emergenza due volte su tre) e tutti erano ugualmente scontenti. Ma poi e' venuta l'ennesima idea di 'risparmio e contenimento dei costi' all'UL di turno: eliminare il server di posta.

Taanto tempo fa, cosi' tanto che mi gira la testa solo al pensiero, $branco aveva deciso che il vecchio (e funzionante) server con Sendmail non andava bene per gestire la posta. Una ditta efficiente, dinamica e giovanile (hemmm...) ha bisogno delle ultime tecnologie di "grupcollaborascion" e quindi l'UL del momento aveva proposto (ed ottenuto) l'installazione di un server Sexchange.

Sorvoleremo sui problemi che solo l'installazione aveva comportato (oltre alla necessita' di acquistare un server dedicato solo per quello, i problemi di 'sincronia' con il DC, l'importazione dei millemila messaggi di posta vecchi...) e sui problemi della gestione dello stesso (liste di distribuzione che svaniscono, le caselle di posta che si corrompono e non possono essere ripristinate...) anche perche' ero riuscito a defilarmi elegantemente lasciando l'intero ambaradan sotto il controllo di uno degli UL che millantavano conoscenze esoteriche del prodotto. Solo che, dopo svariati annetti, l'intero arnese aveva cominciato a dare piu' problemi di quanti ne risolvesse ed il famoso manglement si era ritrovato nella situazione di dover aggiornare l'intero coso.

Il che significa, non solo acquistare un nuovo server con il doppio della ram, il quadruplo di hard disk eccetera ma anche una nuova licenza.

Pensa che ti ripensa, i sarchiaponi decidono che "un server di posta interno non ci serve, possiamo usare un sistema on-line!" E cosi' decidono di fare una sottoscrizione ad 'hotmail online' (o quello che accidenti e'). Insomma, un server di posta gestito da qualcun altro. Tutto bello, tutto fantastico, se non che vi sono diversi problemini.

In primo luogo, la funzione di 'sincronizzazione' delle caselle di posta con i dati del DC pare funzionare un po' cosi', in genere funziona solo quando ha voglia e capita spesso che delle caselle di posta che funzionavano perfettamente il giorno prima risultano non funzionanti il giorno dopo. Non parliamo delle password che scadono ogni 2x3 e devono essere resettate. Soprattutto quando a scadere e' la password di 'administrator' (!).

Poi ci sono stati diversi casi in cui (apparentemente) il "servizio" ha semplicemente smesso di funzionare senza alcuna spiegazione, a volte per parecchie ore. Ora, sapete benissimo cosa la gente pensa dei "servizi" di internet e dovreste anche sapere che non e' quello che di solito succede.

"Ed a te che te ne frega?" direte voi "semplice" rispondo io "me ne frega perche' a dispetto di tutto, quando qualche cosa in quella merdaccia smette di funzionare o non funziona come dovrebbe, IO sono quello che viene chiamato al capezzale della suddetta merdaccia e/o deve spiegare al rintronato utente che non e' a me che deve rompere i marroni ma deve chiamare il foxxuto supporto tennico microsoft" (i quali ovviamente ignorano bellamente la chiamata).

Ed e' cosi' che oggi mi becco la prima telefonata di una sequenza quasi infinita che lamenta che "la posta non funziona". Ovviamente non e' che forniscono nessun tipo di informazione sul tipo di malfunzionamento o sul come lo hanno diagnosticato. Nope. E' sempre 'non funziona'. Dopo un po' di madonne scovo una mail inguattata nel marasma che dice che "Microsoft procedera' all'aggiornamento a $nuovissima versione il giorno $oggi e durante tale periodo le mailbox potrebbero essere inagibili". Tutti sanno cosa significa quel 'potrebbero'. Richiamo il CL in questione e lo informo della faccenda.

CL - Ma perche' non siamo stati avvertiti?
IO - La mail e' stata inviata ad 'intern' il che significa che dovrebbero averla ricevuta tutti, se poi non la avete letta non e' che ci possa fare molto. In ogni caso non sono affari miei, tu ti ricordi vero che io non lavoro piu' per voi?
CL - Ma adesso come faccio? Io devo leggere la mia mail!
IO - Ti attacchi al tram.

Ripetete la conversazione di cui sopra diverse volte.

La stessa conversazione e' stata anche ripetuta con diversi altri CL ed UL vari, tutti incapaci di comprendere come un servizio -esterno- possa non essere disponibile. Verso la fine della giornata e' arrivato anche l'SL della situazione.

SL - Ma la posta non l'avete ancora sistemata? Io esigo che venga risolta immediatamente!
IO - Guarda che la posta non la gestiamo mica noi.
SL - ...come no?
IO - La vostra posta l'avete in gestione presso Microsoft, quindi domandatelo a loro quando avranno finito.
SL - Ho provato a mandare una mail...
facepalm
SL - Ma quanto ci vorra' ancora?
IO - A me lo domandi? Quando lo capisci che dovreste domandare a Microsoft?
SL - Ma visto che voi ci gestite i server...
IO - Si' ma siete voi che avete deciso che gestire il server di posta in casa costava troppo e che un servizio esterno costava di meno. Quindi noi non c'entriamo niente con questa cosa.
SL - Ma noi siamo senza posta da stamani...
IO - Bene, almeno avrete qualche cosa di cui discutere alla prossima riunione di budget.

Ovviamente la discussione si e' protratta per parecchio tempo, perche' un bel "domanda a chi il servizio te lo fornisce" non e' una risposta accettabile apparentemente. Ed il grosso problema del fare 'assistenza' tecnica e' che noi che lo facciamo ci ritroviamo sempre tra l'incudine (chi il servizio lo fornisce o dovrebbe fornirlo) ed il martello (gli utenti che vorrebbero usufrire del servizio stesso). Comunque sia, ben 3 giorni dopo, riceviamo la notifica che la procedura di migrazione e' finalmente terminata ed adesso... si tratta di eseguire un update su tutti i client che devono usare le ultimissime versioni di questo-e-quello per accedere alle nuove funzionalita' eccetera eccetera... come sono contento che noi non facciamo assistenza ai client!

Davide
19/03/2012 08:00

Precedente Successivo

I commenti sono aggiunti quando e soprattutto se ho il tempo di guardarli e dopo aver eliminato le cagate, spam, tentativi di phishing et similia. Quindi non trattenete il respiro.

19 messaggi this document does not accept new posts
Messer Franz Di Messer Franz - postato il 19/03/2012 08:28

cit<come sono contento che noi non facciamo assistenza ai client!

 

INCREDIBILE!INCREDIBILE!!INCREDIBILISSIMO!!!

un semiquasicirca lietofine (perche' non sono cavoli tuoi) in una storia con a)microsoft b)brancodipaguri c)posta e server di posta!!!!!

noncipossocredereeeee!!!

nevichera'.

--
Messer Franz


Guido Di Guido - postato il 19/03/2012 08:50

Scusa fammi capire bene come ragionano i tuoi CL, hai un piede che ti fa male e lo vai a dire al meccanico della tua auto?

Mi pare di notare che in olandese la frase "ca%%i tu@i" non venga recepita molto bene...

Comunque continuo a pensare che o sono sordi o non capiscono l'olandese...

--
salva un albero: mangia un castoro!


Log Di Log - postato il 19/03/2012 10:53

Immagino ti riferisca ad Exchange Online. :\)

Noi lo usiamo e ti dirò che siamo contenti, non errori problemi, uptime molto buono.

Abbiamo anche noi il problema della migrazione per la nuova versione (integrata in Office 365) a fine mese, e in effetti anche  avrò da smadonnare per la riconfigurazione dei client.

Rispetto ai problemi che avevamo prima però, con "Sexchange" interno (da problemi hardware ad aggiornamenti del S.O. che piantavano tutto, a problemi di intasamento rete, a problemi di sincronia mobile...), è una rottura che accetterò di buon grado. :P

--
Log


Kurgan Di Kurgan - postato il 19/03/2012 10:57

La cosa che mi piace di piu` (si fa per dire) e` che l' utonto di turno non riesce ad accettare da noi tecnici nessuna risposta che non sia "te lo aggiusto subito". Quando una cosa non e` fattibile, o quando in ogni caso noi non possiamo farci nulla, inizia l'infinita ripetizione delle stesse frasi.

10 devi risolvere il problema ora!

20 non posso, non dipende da me

30 goto 10

E piu` il luser e` in alto nella catena di comando, piu` a lungo questo discorso si ripetera`, con l'aggiunta di parole come "vitale" "essenziale" "core", "critico", e anche "causa" e "tribunale".

--
Il massimo danno con il minimo sforzo


Anonymous coward@ Kurgan Di Anonymous coward - postato il 19/03/2012 12:43

 

La cosa che mi piace di piu` (si fa per dire) e` che l' utonto di turno non riesce ad accettare da noi tecnici nessuna risposta che non sia "te lo aggiusto subito". Quando una cosa non e` fattibile, o quando in ogni caso noi non possiamo farci nulla, inizia l'infinita ripetizione delle stesse frasi.

10 devi risolvere il problema ora!

20 non posso, non dipende da me

30 goto 10

E piu` il luser e` in alto nella catena di comando, piu` a lungo questo discorso si ripetera`, con l'aggiunta di parole come "vitale" "essenziale" "core", "critico", e anche "causa" e "tribunale".

 

Senza dinenticare "vision", "mission" e "business model" che fa tanto Multinazionale....

--
Anonymous coward


Riccardo Cagnasso Di Riccardo Cagnasso - postato il 19/03/2012 11:59

TRE GIORNI? Stai scherzando?

--
Riccardo Cagnasso


Daniele C. Di Daniele C. - postato il 19/03/2012 12:29

Ma $brancodipaguri ha preso Microsozz ${giorni dell'anno}?

Te lo chiedo perché, in effetti, speravo di poterla proporre agli utOnti che NON vogliono passare sotto il Grande Fratello (Google) prendendo Google Apps e pretendono di avere un Exchange SENZA qualcuno che lo gestisca in sede*.

Ma se siamo a questo punto (disservizi e casini di continuo) mi sa che cambio idea!

* No, tu non vuoi sapere che il mio capo pensa che l'Outsourcing sia applicabile a OGNI cosa, anche la gestione di sistemi. Ora, io sono il primo a dire "Se le cose sono fatte bene allora funzionano", ma stiamo parlando di Server Windows! Quando mai va TUTTO come dovrebbe al primo colpo?

--
"I was watching the London Marathon and saw one runner dressed as a chicken and another runner dressed as an egg. I thought: 'This could be interesting.'" -Paddy Lennox
---
D.


Anonymous coward@ Daniele C. Di Anonymous coward - postato il 19/03/2012 15:43

 

Ma $brancodipaguri ha preso Microsozz ${giorni dell'anno}?

Te lo chiedo perché, in effetti, speravo di poterla proporre agli utOnti che NON vogliono passare sotto il Grande Fratello (Google) prendendo Google Apps e pretendono di avere un Exchange SENZA qualcuno che lo gestisca in sede*.

Ma se siamo a questo punto (disservizi e casini di continuo) mi sa che cambio idea!

* No, tu non vuoi sapere che il mio capo pensa che l'Outsourcing sia applicabile a OGNI cosa, anche la gestione di sistemi. Ora, io sono il primo a dire "Se le cose sono fatte bene allora funzionano", ma stiamo parlando di Server Windows! Quando mai va TUTTO come dovrebbe al primo colpo?

 

--- D.



mai pensato a ibm lotus live?

--
Anonymous coward


Daniele C.@ Anonymous coward Di Daniele C. - postato il 22/03/2012 09:42

> mai pensato a ibm lotus live?

Sembra carino. Se non fosse che il problema con "certi" clienti è che tu gli proponi Gmail / LotusLive / Sarca$$o che non è Exchange quelli ti guardano male, cercano di capire se scherzi e, quando si rendono conto che dici sul serio, fanno una faccia schifata, agitano le mani per cercare di scacciare l'orrida visione (AKA tu) e poi se ne escono con "Nono, non facciamo cose complicate: mettiamo Exchange".

--
"I was watching the London Marathon and saw one runner dressed as a chicken and another runner dressed as an egg. I thought: 'This could be interesting.'" -Paddy Lennox
---
D.


Anonymous coward Di Anonymous coward - postato il 19/03/2012 12:31

>SL - Ma la posta non l'avete ancora sistemata? Io esigo che venga risolta immediatamente!

MIA RISPOSTA: e io esigo di parlare con qualcuno che non sia un perfetto idiota, ondepercui passami la signora delle Pulizie.

>IO - La vostra posta l'avete in gestione presso Microsoft, quindi domandatelo a loro quando avranno finito.

>SL - Ho provato a mandare una mail...

>facepalm

A parte che io sarei andato di persona a facepalmarlo, questo era il momento perfetto per mettere giu' il telefono.

--
Anonymous coward


Anonymous coward Di Anonymous coward - postato il 19/03/2012 13:28

Outsurcing: come sputare nel piatto in cui mangi?

Alla fine se loro si facessero le cose in casa voi sareste chiusi, no?

--
Anonymous coward


Davide Bianchi@ Anonymous coward Di Davide Bianchi - postato il 20/03/2012 13:16

Alla fine se loro si facessero le cose in casa voi sareste chiusi, no?

Dato che noi facciamo HOSTING, magari no.

--
Davide Bianchi


Anonymous coward@ Davide Bianchi Di Anonymous coward - postato il 21/03/2012 22:29

Alla fine se loro si facessero le cose in casa voi sareste chiusi, no?

Dato che noi facciamo HOSTING, magari no.





Quello che intendo è che anche i server si possono installare in casa/installare in datacenters e farsi manutenzione in casa ;\)

--
Anonymous coward


frakka Di frakka - postato il 20/03/2012 01:40

 Oh, gaudio...

 Il mio capo si è giustappunto fissato con l'idea di far rifare le nostre millemila applicazioni aziendali ultra-rappezzate a degli indiani, perchè costano poco...

 Qualcosa mi dice che dovrò sorbirmi un corso di sanscrito...

--
frakka


Anonymous coward@ frakka Di Anonymous coward - postato il 20/03/2012 13:48

 Qualcosa mi dice che dovrò sorbirmi un corso di sanscrito...

Per poter bestemmiare direttamente nella lro lingua, giusto ?

Fatti regalare anche un libro su tutte le loro divinità. Solo per non rimanere senza parole.

--
Anonymous coward


Anonymous coward@ frakka Di Anonymous coward - postato il 20/03/2012 15:28

>Oh, gaudio...

>Il mio capo si è giustappunto fissato con l'idea di far rifare le nostre millemila applicazioni

>aziendali ultra-rappezzate a degli indiani, perchè costano poco...

> Qualcosa mi dice che dovrò sorbirmi un corso di sanscrito...

fagli vedere questa equazione:   qualita' = 1/prezzo. lui lo fara fare lo stesso agli Indiani. Allora stampala e appendila alla parete. qunado verra' lamentandosi degli indiani, su senza dire nulla indica il cartello.

--
Anonymous coward


Anonymous coward@ Anonymous coward Di Anonymous coward - postato il 21/03/2012 17:01

con la tua equazione però la qualità sale allo scendere del prezzo...
Io solitamente tendo a dire "mangi ciò che paghi" per far capire la situazione.
Poi comunque non ottengo ciò di cui necessito ma questa è un'altra storia.
Per esempio, dove lavoravo prima, ho chiesto 2 server aggiuntivi per un nuovo servizio che doveva partire poco dopo. Per quel servizio avevano già contratti firmati per 6000€ al mese. I server richiesti costavano 2500€ l'uno... Hanno perso metà dei contratti perché il servizio faceva pena ed ora sono felici clienti del mio attuale datore di lavoro(voglio sottolineare che NON lì ho "portati" io)

>Oh, gaudio...

>Il mio capo si è giustappunto fissato con l'idea di far rifare le nostre millemila applicazioni

>aziendali ultra-rappezzate a degli indiani, perchè costano poco...

> Qualcosa mi dice che dovrò sorbirmi un corso di sanscrito...

fagli vedere questa equazione:   qualita' = 1/prezzo. lui lo fara fare lo stesso agli Indiani. Allora stampala e appendila alla parete. qunado verra' lamentandosi degli indiani, su senza dire nulla indica il cartello.



--
Anonymous coward


Anonymous coward@ Anonymous coward Di Anonymous coward - postato il 22/03/2012 15:27

con la tua equazione però la qualità sale allo scendere del prezzo...

aem... si me ne sono accorto dopo :\( Intendevo dire che il prezzo e' tendenzialmente proporzionale alla qualita' ma mi sono incartato a rappresentarlo matematicamente :\)

Cosi' e' un po meno peggio: prezzo = K * qualita' con K >= 1

--
Anonymous coward


longinous Di longinous - postato il 21/03/2012 22:55

"un bel "domanda a chi il servizio te lo fornisce" non e' una risposta accettabile apparentemente"



, capita in tutti i campi: ci ha chiamato un tizio l'altro giorno che ci chiedeva perché non gli avessimo spedito i prodotti che aveva acquistato.



Apparentemente il fatto che non li avesse acquistati da noi e che non sapessimo chi fosse non gli ha impedito di sbraitare per 5 minuti contro la mia collega finché non le ho strappato la cornetta di mano e l'ho gentilmente spedito a farsi rifare l'asola delle chiappe.

--
In Principio era il vi, gedit venne molto tempo dopo.


19 messaggi this document does not accept new posts

Precedente Successivo


Il presente sito e' frutto del sudore della mia fronte (e delle mie dita), se siete interessati a ripubblicare uno degli articoli, documenti o qualunque altra cosa presente in questo sito per cortesia datemene comunicazione (o all'autore dell'articolo se non sono io), cosi' il giorno che faccio delle aggiunte potro' avvisarvi e magari mandarvi il testo aggiornato.


Questo sito era composto con VIM, ora e' composto con VIM ed il famosissimo CMS FdT.

Questo sito non e' ottimizzato per la visione con nessun browser particolare, ne' richiede l'uso di font particolari o risoluzioni speciali. Siete liberi di vederlo come vi pare e piace, o come disse qualcuno: "Finalmente uno dei POCHI siti che ancora funzionano con IE5 dentro Windows 3.1".

Web Interoperability Pleadge Support This Project
Powered By Gort